Teatro Aurelio | 9 FEB – L’elicottero a pedali
16503
post-template-default,single,single-post,postid-16503,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

9 FEB – L’elicottero a pedali

9 FEB – L’elicottero a pedali

SABATO 9 Febbraio 2019 ore 21.00

Scritto e interpretato da: Gianluca Cicinelli

l'elicottero a pedali coverTrama: Fuggire per la libertà. Berlino, fine anni ’60.
Pochi altri luoghi al mondo hanno rappresentato in maniera così concreta la separazione tra
mondo libero e regimi comunisti. Il Check-point Charlie è forse il simbolo più importante di quell’epoca storica in cui dall’ovest s’incoraggiavano i cittadini dell’est alla fuga. Al museo del Check-point Charlie fino a poco tempo fa era possibile osservare uno dei più strani strumenti usati dai tedeschi dell’est per fuggire. Un elicottero a pedali. Noi non sappiamo se colui che ha progettato, costruito e usato quell’improbabile mezzo di fuga sia riuscito nel suo intento di arrivare all’ovest. Sappiamo però che quell’uomo è stato libero dal momento in cui si è alzato in volo.

L’elicottero a pedali racconta quel tentativo di fuga. Lo fa scandagliando la quotidianità di un essere umano immerso in una società dove persino tua madre o tuo figlio possono denunciarti alla polizia segreta come traditore del popolo e farti imprigionare. Racconta il sogno coltivato per anni e finalmente messo in pratica da una persona che non ha accettato di rassegnarsi all’ingiustizia. Mostra la situazione di solitudine in cui si trasforma la ricerca di libertà nel momento di tramutarla da vuota parola in azione concreta.

L’elicottero a pedali è diventato eterno volando per pochi secondi. Il suo prezioso carico umano, che ha deciso di volare via a costo della vita stessa, ci insegna che la ricerca di libertà e condizioni di vita migliori di quelle in cui so vive costituiscono la natura stessa degli esseri umani. Quegli stessi esseri umani che oggi scappano dal sud del mondo verso il nord, senza trovare gli stessi incoraggiamenti e solidarietà che la società offriva negli anni della guerra fredda a quanti cercavano la libertà scappando da est a ovest.

È un racconto, una poesia, una riflessione, una sospensione dal rumore del mondo reale. Uno spettacolo carico di emozione narrato sotto forma di finzione ma basato su una ricostruzione totalmente fedele agli avvenimenti descritti. E alla fine anche tu vorrai guadagnarti la tua libertà perduta volando almeno per qualche secondo sull’elicottero a pedali.

Biglietti
Intero: 10 €
Ridotto: 8 €

Tessera 2 €

Genere: Monologo